Site image

 

Normative

Trasporto di merci pericolose su strada - ADR
Data pubblicazione : 2014-04-01

Tutte le cisterne destinate al trasporto di merci pericolose rientrano nel campo di applicazione del DLG n. 35/2010, da ciò la necessità di verificare la rispondenza alle misure transitorie previste dal capitolo 1.6 dell'ADR. Controlli periodici, intermedi ed eccezionali delle cisterne destinate al trasporto di merci pericolose su strada

Trasporto di merci pericolose su strada - ADR
Circolare Prot. 6917 Div3/E    Roma, 25/03/2014
 
Oggetto: Controlli periodici, intermedi ed eccezionali delle cisterne destinate al trasporto di merci pericolose su strada (punti 6.8.2.4.2, 6.8.2.4.3 e 6.8.2.4.4 dell’ADR).
 
Con riferimento alle segnalazioni pervenute dalle associazioni di settore a questa
sede circa l’effettuazione dei controlli sulle cisterne in circolazione destinate al trasporto di
merci pericolose su strada, si richiama sinteticamente l’attenzione sui seguenti punti.
 
a) Conformità delle cisterne circolanti alla normativa ADR e alle misure transitorie
del capitolo 1.6 dell’ADR.
 
Come è noto già con i DM 22 febbraio1990, DM 04 settembre 1996 ed in ultimo con
il D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 35 la normativa relativa al trasporto di merci pericolose su
strada è stata allineata ai contenuti degli allegati A e B dell’Accordo europeo relativo al
trasporto internazionale delle merci pericolose sustrada (ADR).
Pertanto tutte le cisterne destinate al trasporto di merci pericolose rientrano nel
campo di applicazione del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 35 il cui corpo tecnico, per quanto
riguarda il trasporto su strada, è costituito dagli allegati A e B dell’ADR.
Le misure transitorie del capitolo 1.6 dell’ADR individuano quelle che, eventual-
mente, debbono essere sottoposte ad adeguamento.
In relazione a quanto sopra si richiama la necessità di verificare la rispondenza
delle cisterne sottoposte ai previsti controlli con le misure transitorie previste dal citato ca-
pitolo 1.6 avvalendosi, in caso di dubbi, della collaborazione dei Centri prova autoveicoli
ed, eventualmente, dal Costruttore delle medesime.
In proposito si richiama l’attenzione sul punto 1.6.3.6 dell’ADR che consente
l’utilizzazione delle cisterne costruite fra il 1°gennaio 1978 e il 31 Dicembre 1989, a con-
dizione che risultino conformi al marginale 211 127(5) – in allegato - applicabile dal 1°
gennaio 1990.
Le cisterne che rientrano nel campo di applicazionedel DM 18 febbraio 2010, ema-
nato in attuazione del citato D.Lgs. 35/2010, per le quali è stata consentita la possibilità di
utilizzarle solo in ambito nazionale per un limitato periodo di tempo, in deroga a talune di-
sposizioni dell’ADR, non sono oggetto della presente circolare.
 
b) Cisterne sottoposte a riparazione
 
Viene segnalata la presenza sul territorio di cisterne oggetto di modifiche o ripara-
zioni senza che siano state sottoposte ai prescritti controlli straordinari.
Ciò premesso, al fine di prevenire l’elusione di tali controlli, si sottolinea la necessità
di accertare, nella normale effettuazione dei controlli periodici ed intermedi, l’eventuale ef-
fettuazione di riparazioni o modifiche che non risultano dalla documentazione a corredo
della cisterna.
Nel caso in cui venga riscontrata la presenza di riparazioni o modifiche non risultanti
dalla documentazione, i controlli in corso devono essere sospesi per rinviare la cisterna ai
controlli di cui al punto d).
 
c) Riammissione in servizio per il trasporto di merci pericolose di cisterne ADR “de-
classate” per il trasporto di materie non pericolose.
 
Le cisterne destinate al trasporto di merci pericolose, sono ammesse all’utilizzo
previa approvazione secondo le disposizioni dell’ADR e sono soggette a condizioni di uti-
lizzo e verifiche che ne garantiscono la sicurezza e la continua conformità alla norma.
La sottrazione delle cisterne dalla sfera della normativa del trasporto di merci peri-
colose ed il loro utilizzo per il trasporto di merci non pericolose può comportare, in partico-
lare, anche per la mancata effettuazione dei controlli periodici, deterioramenti tali da com-
prometterne la sicurezza qualora sia richiesto il reimpiego nell’originario settore del tra-
sporto delle merci pericolose.
Per tale ragione, nel caso si intendesse destinare una cisterna approvata per il tra-
sporto di merci pericolose al trasporto di merci non pericolose, è necessario provvedere, a
seguito visita e prova presso un UMC, al ritiro e distruzione della targhetta identificativa
della cisterna e l’annullamento della punzonatura di cui all’articolo 4 del DD 24.11.2006. Il
fascicolo cisterna dovrà essere conservato dal proprietario della cisterna per 15 mesi.
Pertanto si ritiene che la riammissione delle cisterne in questione all’utilizzo per il
trasporto di merci pericolose non sia più possibile.
Si rammenta che non sarà più possibile utilizzare lo scarico a pressione delle me-
desime salvo specifica approvazione secondo la direttiva 97/23/CE (PED).
 
d) Controlli eccezionali
 
Il punto 6.8.2.4.4 dell’ADR prescrive che “quando la sicurezza della cisterna o del
suo equipaggiamento può essere stata compromessa in seguito a riparazioni modifiche o
incidenti deve essere effettuato un controllo eccezionale”.
Il controllo straordinario, da effettuarsi con le modalità previste dall’ADR e norme ri-
chiamate, rientra nelle competenze dei Centri prova autoveicoli secondo le procedure, se
applicabili, a suo tempo diramate da questa Amministrazione.
Si rammenta che eventuali modifiche, ammesse nel rispetto delle precedenti dispo-
sizioni emanate in proposito, sono consentite a condizione che le stesse comportino al-
meno la medesima sicurezza della cisterna.
 
 
Si dispone che gli interventi di adeguamento previsti dalle misure transitorie del ca-
pitolo 1.6 dell’ADR sono riconducibili alle modifiche.
Non è possibile dare corso a richieste di controlli straordinari su richiesta degli inte-
ressati per ipotesi non esplicitamente previsti dalla normativa.
 
e) Approvazione di cisterne destinate al trasporto di materie per le quali il segno (+)
compare dopo il codice cisterna
 
Con riferimento alla tabella III 1 art. 242 del Regolamento di esecuzione al C.d.s. –
Accertamenti tecnici, si precisa che i controlli eccezionali e le approvazioni delle cisterne
destinate al trasporto di materie per le quali il segno (+) compare dopo il codice cisterna,
sono da ricomprendere fra gli accertamenti tecnici previsti alla lettera a) della succitata ta-
bella.
 
f.to IL DIRETTORE GENERALE
Dott. Arch. Maurizio VITELLI
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011