Site image

 

Norme Europee

Dall'Europa nuovi incentivi per le auto ecologiche

Finalmente resi noti i "bonus" europei per veicoli “eco-compatibili”. Gli incentivi per auto a metano, Gpl, biocombustibile, elettrico, ibrido e idrogeno, dopo l'avvenuta pubblicazione in G.U n.36 del 12/02/13 del decreto attuativo del Ministro dello Sviluppo, partiranno anche da Noi?

Dall'Europa nuovi incentivi per le auto ecologiche
W la Mobilità Consapevole Europea!

Arrivano i fondi dall'UE e finalmente non avremmo più scuse e daremo il via alla nuova mobilità sostenibile più “verde” che ci sia, almeno in centro città! Sarà vero? Saranno "buoni" i nostri politici a prenderli a volo o anche stavolta per vivere e scegliere in modalità "consapevole", ci toccherà aspettare il prossimo autobus? Intanto la Commissione Europea dei Trasporti non si ferma, e ci comunica le principali “linee guida” atte a promuovere e sponsorizzare la diffusione di nuovi autoveicoli più moderni e più efficienti sul piano energetico, da qui al 2015. Il documento predisposto fornisce delle indicazioni agli Stati membri su come si dovrebbero utilizzare gli incentivi per incoraggiare la domanda di auto elettriche e veicoli a basse emissioni di gas inquinanti. Tale “misura” rientra in un più ampio programma nazionale a sostegno della MOBILITA' CONSAPEVOLE che prevede, tra l’altro, un piano per potenziare le stazioni di ricarica per i veicoli elettrici. Gli incentivi (fino a 5.000 euro di bonus statale per chi sceglierà di acquistare o immatricolare una vettura elettrica, gpl, ibrida o a metano, ndr) saranno altresi “accompagnati” da sovvenzioni, prestiti e agevolazioni fiscali “operativi” nel triennio 2013-2015, con uno stanziamento globale di 150 milioni di euro. I contributi "di concerto" con il Ministro dell’Economia e Finanza, diventano operativi e favoriranno l’acquisto di veicoli a carburanti alternativi quali nello specifico: auto elettriche, ibride, a metano, a biometano e biocombustibile, a gpl e idrogeno, con emissioni di CO2 allo scarico, inferiori a 120 g/km. In questo modo si intende arrivare presto alle “emissioni zero” nei centri urbani, eliminando sia sostanze nocive come le anidridi, sia altri inquinanti, come le famigerate “polveri sottili” e “particolati” ed i malefici ossidi di azoto e zolfo. La norma europea è a carattere “sperimentale”e si fonda sui limiti oggettivi di emissione, nel rispetto delle ultime raccomandazioni sulla “neutralità tecnologica” della Commissione Europea (CARS 21) e dell’Ocse. Sono quindi ammesse ai “bonus” le seguenti categorie: 

 

autoveicoli;

veicoli commerciali leggeri;

ciclomotori;

motocicli a due e tre ruote e quadricicli a motore. 
 

Gli incentivi saranno altresi rivolti ai veicoli aziendali e quelli ad uso pubblico (taxi, car-sharing, noleggio, servizi di linea, ndr) per supportare lo sviluppo della mobilità sostenibile attraverso la diffusione di flotte pubbliche e private, in virtù:

 

- delle alte percorrenze medie chilometriche di queste tipologie di veicoli;

- della maggiore programmabilità delle percorrenze;

- dell’effetto promozionale dei veicoli pubblici sull’utenza privata.

 

Il contributo 2013 è pari al 20% del prezzo risultante dal contratto di acquisto, con un massimo di:

 

- 5.000 euro => emissioni di CO2 non superiori a 50gr/km;

- 4.000 euro => emissioni di CO2 non superiori a 95gr/km;

- 2.000 euro => emissioni di CO2 non superiori a 120gr/km.

 

Per massimizzare l’efficienza “Eko” gli incentivi saranno elargiti previa rottamazione di un veicolo più vecchio di 10 anni, fanno eccezione i veicoli con emissioni non superiori a 95 g/km, elettrici e ibridi, che sono aperti a tutte le categorie di acquirenti, inclusi i privati cittadini, vista la ancora scarsa diffusione. La suddetta norma: “Disposizioni per favorire lo sviluppo della mobilità mediante veicoli a basse emissioni complessive”, fa parte di un accordo quadro inserito nel “Decreto Sviluppo” (DL 83/2012) del precedente governo Monti. Coloro che volessero ulteriori informazioni sui contributi statali per l’acquisto di veicoli a basse emissioni complessive, previsti dalla misura per la promozione della mobilità sostenibile contenuta nella legge Sviluppo (n.134/2012), sul sito Internet del Ministero dello Sviluppo Economico. Vi ricordiamo infine che le immatricolazioni saranno possibili dal trentesimo giorno successivo all'entrata in vigore del Decreto attuativo, in corso di pubblicazione. Ce la faranno i "nostri eroi" a formare un governo in breve tempo atto anche a questo "scopo", o ci lasceremo sfuggire anche questi ultimi "dindi" made in Europe? A Voi i commenti, per non toccare davvero il fondo!



Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011