Site image

 

Attualità

Omicidio Stradale è Legge dello Stato!

Finalmente il Parlamento configura l'OMICIDIO STRADALE come reato "micidiale". Per la fattispecie è stata prevista una gradualità di pene che possono arrivare fino a 20 anni più ERGASTOLO DELLA PATENTE, ovvero la revoca della licenza fino a 30 anni!

Omicidio Stradale è Legge dello Stato!
Uccidere sulla strada è reato penale!

Pirati della Strada addio! E' fatta! Habemus Legem! Il Senato italiano ha finalmente approvato definitivamente il decreto legislativo del governo che fissa le pene per ogni delitto stradale fino a 18 anni per chi causa colpevolmente incidenti con morti e feriti gravi. Tra fughe in avanti, rapidissimi ripensamenti, rallentamenti e frenate all'indietro tipiche dell'Italia che non vuol cambiare, il testo proveniente dalla Camera dei Deputati è stato votato ed approvato a maggioranza. Oltre le sanzioni del “normale” Codice della Strada, il legislatore ha modificato il Codice Penale creando una nuova categoria di reato, quella di omicidio stradale, con punizioni pesantissime fino ai 18 anni di carcere (aggiunti gli Artt. 589-bis per omicidio stradale, 590-bis per lesioni personali stradali gravi e gravissime, 590-ter per fuga del conducente nel caso di lesioni personali stradali, 590-quater per attenuanti e circostanze particolari e 590-quinques relativo alle strade urbane). Il reato di omicidio stradale sarà comminato a chi causa un incidente mortale con gravi lesioni a terzi alla guida di un qualsiasi autoveicolo, eliminando quindi l'accusa farsa di “omicidio colposo”. La pena normale resta identica, ossia da 2 a 7 anni di meritatissima galera, nel caso il conducente del mezzo abbia violato una norma del Codice della Strada, salvo aggravanti (tasso alcoolemico superiore a 0,8 gr/lt, superamento dei limiti di velocità di almeno 50 km orari, passaggio con semaforo rosso, guida in contromano, inversione a U su dossi, curve o incroci a raso, sorpasso con striscia continua o sulle strisce pedonali). Nei suddetti casi, la pena varierà dai 5 ai 10 anni di reclusione per morte provocata, da 1 anno e 6 mesi a 3 anni nel caso di lesioni gravi e da 2 a 4 anni per lesioni gravissime. Una ulteriore aggravante si applicherà ai "cattivi" conducenti sorpresi al volante con tasso alcolemico superiore a 1,5 gr/lt o sotto effetto di alcool e droghe. In questo caso, la pena in caso di morte, varia dagli 8 ai 12 anni di carcere, fra i 3 ed i 5 anni per lesioni gravi e da 4 a 7 per ferite gravissime. Le sanzioni si applicano altresì agli autisti di mezzi pesanti beccati alla guida con un tasso alcoolemico superiore a 0,8 g/l. Se il conducente tenta la fuga o si allontana colpevolmente dal luogo del reato, la pena verrà elevata ulteriormente, partendo da 5 anni per la morte causata fino a 3 anni per le ferite gravi. Ulteriori malus di pena saranno previsti se il conducente è sprovvisto di patente di guida o di polizza Rc Auto in corso di validità. Se la vittima ha una corresponsabilità nel sinistro, la pena decresce della metà. Nel caso di lesioni personali colpose, il conducente che dopo l'incidente offre un pronto soccorso, mettendosi a disposizione delle forze dell'ordine eviterà l'arresto previsto per la flagranza di reato. Se si viene condannati per omicidio o lesioni stradali, anche nel caso di patteggiamento, si subirà la revoca della patente di guida (sarà possibile conseguire una nuova licenza solamente dopo 15 anni nel caso di decesso provocato e 5 anni in caso di colpevoli lesioni, se si è tentata la fuga si dovrà attendere almeno il doppio ndr). Per quanto riguarda l'iter processuale, la nuova normativa raddoppia i termini di prescrizione per l'omicidio colposo e impone l'arresto in caso di flagranza se l'autista "brillo" supera il tasso alcoolemico di 1,5 g/l (0,8 g/l per i camionisti, ndr) o è sotto l'effetto di droga.

In conclusione, sono 3 le nuove "variabili" di pena, quando si causa un incidente stradale e si procura colpevolmente il decesso di una persona fisica:

  1. Reclusione da 2 a 7 anni, quando la morte è causata violando le regole del nuovo Codice della Strada.  
  2. Reclusione da 5 a 10 anni per il conducente "omicida" il cui tasso alcolemico sia superiore a 0,8 gr./lt. oppure per chi causa un sinistro per guida pericolosa (per eccesso di velocità, per guida contromano, non rispetto del semaforo rosso, per sorpassi e inversioni a rischio).
  3. Reclusione da 8 anni a 12 anni a chi uccide una persona guidando in stato di ebbrezza grave o gravissimo, con un tasso alcolemico oltre 1,5 gr./litro o è sotto effetto di sostanze stupefacenti. 

 

Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011