Site image

 

Mobilità Consapevole

Parigi diventera' la capitale europea delle Biciclette entro il 2020!

Per farlo entro il 2020, la capitale transalpina vuole addirittura triplicare la mobilita' sulle due ruote dal 5 al 15%. Il servizio di bike-sharing registra quasi 100mila iscritti al giorno. Per preservarli, si vuol estendere il limite di velocità di 30 Km all'ora a tutti gli altri autoveicoli, dal centro urbano a tutte le “rues” e i boulevards!

Parigi diventera' la capitale europea delle Biciclette entro il 2020!
Tutti in bicicletta sugli Champs-Elysees!

L'attuale “prima cittadina” della città degli innamorati vuole allargare alle due ruote l'emblema della capitale francese. Dopo “Vélib”, l'esperimento di mobilita alternativa ciclabile, partito quasi 10 anni fa, ed oggi considerato “fiore all'occhiello” ed insieme “punto di non ritorno” della conversione del traffico cittadino in chiave eco-sostenibile, un piano quinquennale dal gennaio 2015 al 2020, metterà in pratica alcuni provvedimenti a tinte ecologiste “forti”: iniziando dalla moltiplicazione dei finanziamenti destinati alle infrastrutture ciclabili della “Ville Lumiere” attorno ai 20 “arrondissements” della capitale (i precedenti 25 milioni di euro tra il 2008 e l'anno in corso, sono stati definiti “briciole” e “vergognosi” dalla maggioranza dei cittadini e dalla minoranza parlamentare, ndr). Parigi diventerà la città europea più amica dei ciclisti, che soffrono ancora di diversi “complessi d'inferiorità” rispetto alle automobili, malgrado solo il 10% degli quasi 9 milioni di spostamenti interni, a Parigi, siano su veicoli a motore, contro il 32% di chi usa i mezzi pubblici ed il 55% di chi sceglie di andare a piedi o in bicicletta. Si vuol “triplicare” l'utilizzo delle due ruote dal misero 5% attuale, fino al 15%-20% prossimo nel giro di 10 anni (surclassando cosi Berlino, dove già oggi il 14% degli spostamenti avviene in bici, grazie alla “pancia piatta” della città teutonica, ndr). Altra misura prevedibile, molto possibile ed immediatamente realizzabile per innalzare il livello di sicurezza stradale e preservare i ciclisti, sarà l'estensione del limite dei 30 orari alle auto all'hinterland della “citta luminosa”. In tal modo il circolo virtuoso porterebbe sempre più bici e sempre meno auto “dans la rue”, rendendo il traffico cittadino molto più tranquillo e azzerando i livelli degli inquinanti atmosferici e acustici. Ampliare il numero dei parcheggi per le due ruote utilizzando all'occorrenza gallerie e tunnel stradali scevri dal “viavai” urbano e riconvertiti a parcheggi di sicurezza coperti. I quasi 1000 Km di piste ciclabili non bastano e saranno aumentati e ridisegnati dal punto di vista architettonico e del design. Sui boulevards e sulle grandi arterie viarie, le bici viaggeranno fisicamente separate da moderni guardrail e divisori, dalle automobili (scompariranno per intenderci tutte quelle all'italiana, segnalate solo da pittogrammi sull’asfalto, ndr). Cosi facendo, l'amministrazione pubblica cerca di rispondere concretamente e positivamente alle diverse associazioni di ciclisti che da tempo chiedono una “circolazione dolce” e di riservare loro un passaggio o una porzione di marciapiede, per circolare più sicuri, sui grandi viali. Prevediamo presto tutti "ensamble" in bicicletta sulla Senna, sotto l’Arc de Triomphe e su e giù per gli Champs-Élysées, luoghi "sacri" per i francesi, che ancora non stati “inclusi” nel tour eco-sostenibile, ma se davvero vuole conseguire lo scettro di capitale “regina” delle due ruote, dovrà fare questo ed altro. “Oramai, Rien Va Plus!”.

 

 

Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011