Site image

 

Mobilità Consapevole

Guida eco-sostenibile e risparmi tanti euro all’anno
Data pubblicazione : 2012-01-21

 Anche il 2012 è iniziato col botto tra nuove accise e nuovi aumenti dei carburanti. Una buona soluzione per risparmiare, se non avete in mente di acquistare una nuova auto a breve o non potete inforcare tutti i giorni la bicicletta, o aspettare i mezzi pubblici, sarebbe quella di modificare il proprio stile “on the road”, optando per una guida "economologica" (economica + ecologica) usando la testa, che preservi i consumi, non prosciughi il portafogli e salvaguardi l’ambiente, tutto in un colpo solo.

Guida eco-sostenibile e risparmi tanti euro all’anno
Guida Economologica
Praticamente ogni giorno si assiste a nuovi record dei prezzi dei carburanti, arrivati a sfiorare i 2 € per litro. Per questo ed altri tassi e tasse di legittimo interesse incombenti sullo stipendio mensile (che intanto sempre in quotidiano stallo, da anni rimane), in tanti stanno pensando di cambiar vita e le consolidate “vecchie” e malsane abitudini convincendosi sin dal primo mattino, a lasciare l’auto in garage in favore dei mezzi pubblici, della bicicletta o di nuove forme di mobilità condivisa come car-sharing e car-pooling. Altri ancora stanno seriamente prendendo in considerazione l’ipotesi di trasformare la propria auto a metano o a gpl, anche se l’assenza del rinnovo degli incentivi scoraggia quanti non possono permettersi un investimento iniziale per installare l’impianto o acquistare una vettura alimentata a gas naturale. Il tutto in attesa che le auto elettriche diventino un’alternativa veramente concreta grazie all’arrivo sul mercato dei nuovi modelli promessi e, soprattutto, degli aiuti economici  promessi da parte del Governo. E allora, per chi proprio non può fare a meno di spostarsi con la propria automobile (per via delle distanze o dei difficili collegamenti) come fare per risparmiare sul carburante? Una buona soluzione può essere quella di modificare il proprio stile di guida, optando per una guida “economologica”, guidare con la testa sulle spalle, stando attenti ai consumi e all’ambiente tutto in una volta. In un  passato non troppo lontano, vi avevamo consigliato altri modi per risparmiare sulla benzina con tutte le altre norme da osservare per prendere l’ecopatente, stiamo continuando ad organizzare corsi nelle scuole dell’obbligo per neopatentati e studenti più giovani, allo scopo di indirizzare il loro stile di guida verso la mobilità consapevole e la totale sicurezza stradale. I risparmi in un anno solare se si guida piano, si va molto oltre che più sani e più lontani, immaginando una media di 20mila km percorsi, c’è un -20% netto sul carburante, si riducono le emissioni inquinanti di un altro 15%, ed è possibile ridurre il peso della Rcauto del 20-30% per piccoli incidenti e danni causati ad altri veicoli. Le automobili più moderne sono equipaggiate di tutto punto con nuove tecnologie approntate alla “green economy” per ottimizzare i consumi e ridurre le emissioni di serie. Dalle motorizzazioni euro4-5 che massimizzano l’efficienza di tutto il sistema “automotive”, abbattono le emissioni nocive permettendo anche l’ingresso in centro città, ai dispositivi di ricarica delle batterie in fase di decelerazione e frenata, alla regolazione termica per ridurre tempi e riscaldamento del motore. Probabilmente gli ausili di guida all’interno della vettura aiutano in maniera ancora più tangibile il guidatore a ridurre i consumi, lavorando come “assistenti” tuttofare e migliorando in tempo reale il suo stile di pilotaggio. Dovremmo sempre tenere a mente che ogni singola manovra in automobile, dall’allungare il piede destro sul pedale dell’acceleratore, al cambiare le marce, frenare, rallentare o aprire il finestrino, tutto ha un impatto importante sulla quantità di carburante speso per la trazione. Attivare dispositivi come l’aria condizionata, i sedili elettrici, gli sbrinatori o qualsiasi optional ha un costo extra in euro e combustibile. Ecco che anche la manutenzione del veicolo diventa di vitale importanza, come controllare la pressione dei pneumatici almeno una volta al mese evita sprechi di carburante e riduce i rischi per la sicurezza. Le manovre che fanno “la differenza” sono proprio quelle relative allo stile di guida personale, a partire dal saper anticipare la strada, leggendola prima. Quanti di noi, ad esempio, arrivano a un incrocio “a tutto gas” per poi arrestarsi obbligatoriamente con una frenata brusca “fischia e finisci” gomme? Se solo alzassimo il piede dall'acceleratore al manifestarsi, all'interno del nostro campo visivo, di una qualsiasi causa di rallentamento, sia essa un incrocio semaforico, una strettoia, una rotatoria, un dosso o una curva, potremmo risparmiare a lungo termine molti decalitri di benzina. Interpretare il flusso del traffico e conoscere “prima” l’andamento della strada ci permette di sfruttare l’energia “potenziale” della macchina in moto, riducendo così l’eccessivo uso dei freni e limitando le accelerazioni e gli sprechi inutili. Aumentando la distanza di sicurezza, sfruttando  la marcia "in folle" o semplicemente il freno motore che si innesca non appena smettiamo di dare gas. Il risultato? La guida risulterà più regolare e confortevole, oltre che più “risparmiosa”. Mantenere una velocità costante a bassi giri del motore è anche questo un ottimo metodo per non svuotare subito il serbatoio, il segreto sta nel mantenere una velocità costante in quanto la sequenza freno-acceleratore-freno, oltre che molto più stressante, impatta negativamente sui consumi. Guidare regolarmente innestando la marcia più alta, coi giri motore che diminuiscono e di conseguenza anche l’utilizzo del carburante. In condizioni di fondo stradale pianeggiante queste sono le indicazioni da seguire e le marce da scalare: la II° fino a 20 km orari, la III° fino a 30 km orari, la V° fino a 50 e dai 60 in su per le auto “maggiorate” ingranate pure la VI° senza farvi problemi. Per le auto diesel i giri possono essere abbassati ulteriormente rispetto alle auto “senza piombo”, soprattutto per i vecchi modelli. Un’altra caratteristica delle nuove auto è proprio quella di indicare quando cambiare rapporti, ma vale la regola che la guida a bassi regimi è tranquilla per qualsiasi veicolo a motore. Spegnere il motore durante le soste, invece che restare fermi a lungo con l’auto accesa e il motore al minimo, ad un semaforo o ad un passaggio a livello è molto più efficiente ed ecologico (tutto questo per fortuna col sistema “start & stop” è già implementato nella auto di ultima immatricolazione). Provare per credere ed affermare che diventare “eco-piloti” provetti, porta innegabili vantaggi sia all’ambiente che al nostro conto in banca. Guidare la macchina o la moto con una certa “eco-logica” si può ed influisce beneficamente sulla nostra qualità della vita e sui consumi quotidiani, a prescindere dalle tecnologie “montate” di serie sul nostro veicolo. Sarebbe interessante applicare queste best practices nel traffico “da urlo” delle più grandi megalopoli italiche, tipo Roma, Milano o Napoli. Forse nei casi specifici, complici i fattori più disparati (come la solita fretta condita con l'immancabile ansia di far sempre ritardo e più di uno stress da capogiro), non si avrebbero gli stessi risultati in cosi poco tempo, ma nel lungo termine otterremo certo più di un plauso ed un ringraziamento da parte delle nuove generazioni di esperti guidatori e semplici cittadini. Per un ulteriore approfondimento sul tema del risparmio alla guida, eccovi il link alla Direttiva Ministeriale del 20 maggio 2011 sulla Guida Eco compatibile.

Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011