Site image

 

Normative

Come far pagare le multe se il trasgressore è straniero
Data pubblicazione : 2012-08-03

C’è un articolo del nuovo Codice della Strada, per l’esattezza il 207, introdotto per dare univoca risposta alle richieste degli addetti di polizia, senza strumenti, ne argomenti certi per imporre o convincere il trasgressore residente all'estero a "conciliare" le multe.

Come far pagare le multe se il trasgressore è straniero
Multe anche agli stranieri? Si grazie

Il nuovo Codice della Strada in assenza di una normativa, europea ed internazionale, che consenta di attivare le procedure esecutive nei confronti dei trasgressori residenti fuori i confini nazionali, può sfruttare la regolamentazione prevista dall’Art. 207, introdotta in un periodo in cui, anche le istituzioni europee in merito erano in totale "impasse". Oggigiorno infatti il "vulnus legis" (vuoto legislativo, ndr) almeno a livello comunitario, è stato "colmato" da una procedura che consentirà di rendere certa la possibilità dei singoli stati aderenti all’Unione Europea di attivare atti esecutivi non più solamente all’interno dei confini nazionali, ma anche comunitari. La Commissione europea, con parere del 2 ottobre 1998, in merito alla compatibilità dell’Art. 207 del Codice con l’Art. 6 del Trattato stesso istituente la Comunità Europea, (il quale vieta espressamente ogni discriminazione effettuata in base alla nazionalità e si oppone a qualsiasi sanzione amministrativa o penale inflitta dalle autorità nazionali a cittadini comunitari in materia discriminatoria, ingiustificata e non proporzionata, ndr) ha riconosciuto una disposizione nazionale, che impone soltanto ai non residenti (i quali, in caso di violazione, scelgano di non pagare immediatamente la multa prevista, ma optino per l’avvio del procedimento penale ordinario), l’obbligo di versare per ciascuna infrazione una determinata somma come cauzione, più elevata di quella prevista in caso di conciliazione immediata, pena il sequestro del veicolo. La legge italiana infatti "distingue" in base al luogo di immatricolazione dell'auto, criterio che conduce ai medesimi risultati di una "discriminazione" in base alla nazionalità. Tuttavia, tale disparità di trattamento tra contravventori potrebbe essere giustificata, poichè l’obbligo di versare una cauzione impedisce ai contravventori in possesso di veicoli immatricolati all’estero di sottrarsi alla sanzione. L’applicazione della legislazione italiana è comunque "squilibrata", poiché non è "proporzionato" esigere da un conducente comunitario (circolante in Italia, in base ad una delle libertà previste dal Trattato, con un veicolo immatricolato all’estero) il pagamento immediato di una ammenda pari al minimo fissato per ogni singolo tipo di infrazione, senza possibilità di ricorso davanti al Prefetto locale o il versamento di una cauzione elevata (somma pari alla metà dell’importo massimo previsto per la violazione commessa), pena il ritiro della patente. Certo la terminologia "tradotta" dalla nostra lingua non è molto esatta, ma il concetto è chiaro. L’unica discriminazione ammessa tra cittadini italiani e comunitari è quella della cauzione, in misura pari al minimo edittale della sanzione, per fornire una garanzia al pagamento. Quando tale "modalità" sarà attivata in tutta Europa, non potrà essere più applicata la procedura sanzionatoria prevista dall’Art. 207 per i cittadini comunitari, senza una contingente modifica del testo dell’articolo. Del resto, a seguito delle modifiche nell’anno 2003, con l'adozione di diverse procedure, se il trasgressore fosse o no cittadino comunitario, tale "sistema" era già entrato nella prassi quotidiana, per non contrastare il "parere" della Commissione europea. Una volta entrata a regime la procedura, non sarà più giustificata la diversità di trattamento fra cittagini italiani e cittadini comunitari fino ad oggi colpevolmente "tollerata" nelle ipotesi di violazioni e trasgressioni stradali commesse alla guida di autoveicoli non immatricolati in Italia.

 

Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • rqYShrnjqYQveJYSST

    07-11-2012 12:47 - #1
    There's a srecet about your post. ICTYBTIHTKY
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011