Site image

Normative

Fari e luci a led: finalmente arriva l'omologazione di legge!

Le luci diurne ed i faretti a led adesso non sono più fuorilegge! Un recente decreto del Ministero dei Trasporti specifica come si installano correttamente e come si aggiorna la carta di circolazione, per essere più sicuri, più visibili e sempre in regola con il Codice stradale!

Fari e luci a led: finalmente arriva l'omologazione di legge!
Luci a led accese anche di giorno!

Al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture si stanno pian piano "adeguando" a tutte quelle grandi e piccole norme europee rimaste finora “incomprese” ed inascoltate al nostro codice stradale ormai diventato obsoleto e comprensibile ai soli addetti ai lavori. Stavolta il nuovo decreto ministeriale del 6 novembre 2013 edito dall'ultima Gazzetta Ufficiale n.271 del 19 novembre dello stesso anno, norma e disciplina l'installazione delle luci a led di marcia diurna (fino a poco tempo fa nel Belpaese ritenute illegali, anche se più che necessarie per la sicurezza stradale nel resto d'Europa, ndr). La deroga per tutti i veicoli a motore esclusi i rimorchi, prevede una precisa procedura per l'applicazione del kit per l'illuminazione diurna e l'aggiornamento del libretto di circolazione dopo revisione ed il “check up” finale presso la Motorizzazione preposta. Non sarà possibile installare più di due dispositivi a led anteriori e la loro collocazione dovrà essere disciplinata in modo diverso a seconda se le luci siano raggruppate o combinate ad altri dispositivi luminosi. L'auto "modificata" sarà indi posta ad ulteriori verifiche finali presso gli uffici della Motorizzazione competente che ne certificherà l'eseguito montaggio a regola d'arte. La buona novella rispetto al passato, è che non ci sarà piu bisogno dell'autorizzazione "diretta" della casa “madre” sulla carta di circolazione, quando si doveva attendere il nullaosta della casa costruttrice che approvava la modifica all'impianto luci dell'auto. L'esito positivo della "modifica" sarà quindi scontato, nel rispetto delle linee guida quivi esposte. In base alla tipologia di luce diurna e alla funzione svolta, il vostro meccanico di fiducia, dovrà rispettare tassativamente le quote d'installazione previste dalla norma ECE R48. Nel caso più diffuso di luci led non incorporate ad altri dispositivi, che non svolgono ulteriori funzioni d'illuminamento, la distanza tra le due luci non dovrà essere inferiore a 60 cm, (che si riducono a 40, se l'auto non è più larga di 130 cm, ndr) e l'altezza del dispositivo dal terreno dovrà essere compresa tra 25 e 150 cm. Durante il test di prova e collaudo sarà controllata inoltre l'inclinazione verticale ed orizzontale del fascio luminoso (+/- 10°; +/-20°). Le quote differiranno leggermente se le luci led integrano anche quelle di posizione anteriori o i fari fendinebbia. I tecnici della Motorizzazione testeranno vieppiù il corretto funzionamento dei led: accensione con l'avvio del motore e spegnimento quando il veicolo si arresta. E' vietato il funzionamento simultaneo delle luci di marcia diurna e delle luci fendinebbia, anabbaglianti o abbaglianti (le prime dovranno essere obbligatoriamente spente quando si accendono le seconde, ndr). Lo stesso obbligo varrà per gli indicatori di direzione che devono essere i soli a lampeggiare qualora siano incorporati alla luce di marcia diurna. A tal proposito esistono dei kit a led con centralina dedicata che si occuperà di commutare automaticamente le luci come decreto “comanda”! Se l'auto supererà le verifiche della Motorizzazione con esito positivo, l'aggiornamento del libretto avverrà tramite l'apposizione di un bollino adesivo con la dicitura: “Installazione di luci di marcia diurna conformi alla norma UNECE87”.



Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro
Notizie più lette
Pagina Fan

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter di scuolaguida.it

moto.it guida la passione Moto.it è il portale italiano dedicato alle moto, con le ultime news di settore e migliaia annunci di moto usate e moto nuove.
   
auto moto Automoto.it è il quotidiano online dedicato alle auto, con prove, notizie e una sezione mercato con migliaia di annunci di auto usate e auto km 0.

Quiz Ministeriali 2013 2014

quiz patente b, quiz patente, quiz patentino

Quiz gratuiti patente B, A1 e Patente AM (ex patentino ciclomotore)

Esercitati con la simulazione di esame dei quiz ministeriali. Prova l'esame teorico per la patente B dell'auto, A e A1 della moto o con quiz ministeriali per il patentino del ciclomotore (CIG) - Quiz patente B - Quiz patente AM

banner_300x100_motori

Guarda la classifica dei Quiz Patente!

banner-migliori

Quiz Patente B in Lingua

quizzes driving license in English quiz dans permis de conduire français Quiz in deutscher Führerschein pruebas de permiso de conducción español

викторины водительских прав на русском языке اختبارات رخصة القيادة باللغة العربية 在中国驾驶执照测验 ajutorul testelor de conducere în România

Quiz Patente A1 B 2011

Sono ancora disponibili i vecchi Quiz Patente A1 B in vigore da gennaio 2011